home

Nato nella stupenda Gragnano, terra che rappresenta la lavorazione del grano. Classe 1977, Gerardo Inserra è il Titolare di un’attività commerciale in continua crescita. Muove i suoi primi passi nel mondo dell’arte bianca a solo 10 anni nel forno di famiglia dello zio. Negli intervalli scolastici, Gerardo si ritaglia uno spazio sempre più importante nel panificio, carpendone i vari segreti e le varie tecniche, lavorando spalla a spalla con i mastri fornai di antica tradizione. Finiti gli studi ed in cerca di occupazione ecco l’idea: APRIRE UN FORNO CON LA PROPRIA FAMIGLIA E COSI’ NEL 2002 IL SOGNO SI AVVERA.

Nel 2012 insieme a sua moglie Annarita, inizia una nuova impresa e decide di aprire nella periferia di Castellammare di Stabia, il Panificio “Cuore di Pane”, che subito si fa notare per la QUALITÀ’ DEI SUOI PRODOTTI. Così riuscendo a fondere tradizione e innovazione, stando attenti ai cambiamenti di gusto delle propria clientela, Cuore di Pane diventa in pochissimo tempo un fiore all’occhiello della panificazione stabiese. 

“Il panificio di una volta”

 

Vienici a trovare al Panificio Cuore di Pane se desideri gustare il pane buono e sano, come quello che si faceva una volta. Il nostro pane viene sfornato, fragrante e invitante, a più ore del giorno per dare la possibilità ai nostri clienti di averlo sempre caldo, proprio come si faceva un tempo. Oltre al nostro pane, trovi altri apprezzati prodotti di panetteria e da forno, e cornetti. Usiamo farine biologiche per il pane di soia e per il pane ai multicereali. Poi abbiamo il pane integrale, e 2 tipi di pane casereccio. Inoltre offriamo vasto assortimento di pasticceria fresca e dessert oltre a dolci da ricorrenza.

Serietà, professionalità ci hanno distinto in questi anni. Le regole e qualità dei prodotti hanno avuto sempre la priorità e questo ha fatto si di essere una grande realtà nella produzione e vendita di pane. Il Pane, la farina, l’acqua, sono le essenze principali della nostra produzione, ma il trattamento rimarrà sempre un segreto della famiglia.

Gerardo Inserra